venerdì 3 gennaio 2020

Cold Sweat

Cold Sweat ... in inverno il freddo è dolce (Boh)
(quanto segue non ha alcun significato)

Ma quanti sono ad aver inciso "Dolce Freddo" ?

Dev'essere una sorta di catena induttiva per menti intuitive e creative che, valutando l'ispirazione anatemica ed endemica del lessico implicitamente teso alla stimolazione delle più remote sensazioni epidermiche dell'essere umano, pone al cospetto dell'infinito l'affermazione più estrema che un UOMO possa pronunciare: "mi viene la pelle d'oca".

Quindi cosa lega tra loro, con quel fil sottile chiamato LOGICA dove si trovano nodi di supposizioni e s'incontrano grovigli di tensioni:
Thin Lizzy, Megadeth, Sodom, James Brown, Church of the Cosmic Skull, Tinashe e Third World ? 

Thin Lizzy sono un gruppo hard & heavy irlandese formatosi a Dublino nel 1969 a seguito dell'incontro tra il chitarrista Eric Bell e l'organista Eric Wrixon con il cantante e bassista Phil Lynott e il batterista Brian Downey. Wikipedia
 

Megadeth sono un gruppo musicale thrash metal statunitense formatosi a Los Angeles nel 1983. Sono considerati tra i più influenti e significativi sviluppatori del thrash metal, insieme a Metallica, Slayer ed Anthrax. Wikipedia
 

Sodom sono un gruppo musicale thrash metal considerati, insieme a Kreator e Destruction, tra capofila del genere in Germania. Il sound che il gruppo propone è grezzo, violento e diretto, tipico del genere thrash di stampo teutonico. Wikipedia
 

James Brown  è stato un cantante, compositore, musicista e ballerino statunitense. Considerato una delle più importanti e influenti figure della musica del XX secolo, è stato un pioniere nell'evoluzione della musica gospel e rhythm and blues, nonché del soul, del funk, del rap, e della disco music. Wikipedia
 

Church of the Cosmic Skull ... diffusori di luce dell'arcobaleno cosmico sul pianeta terra e anche oltre????
 

Tinashe  è una cantante, ballerina e attrice statunitense. Wikipedia
 

Third World è un gruppo musicale reggae giamaicano formatosi nel 1973. Wikipedia

sabato 14 dicembre 2019

Trash metal ... SLAYER ?!

Però?! mi avvicinai all'heavy metal con i Motorhead (anni '70) ed era tanto, forse troppo tempo fa.

All'epoca il trash non lo capivo e quindi non mi piaceva, i miei gruppi preferiti erano Pink Floyd, Doors, Motorhead, Iron Maiden ... e sopra tutti i DEEP PURPLE , bei tempi.
 
Oggi ho ri-visto o meglio rivisitato il trash metal e quindi sopra tutti gli SLAYER.
 
Cazzo se sono stati e sono innovativi, quelle chitarre te "le ficcano su per il culo e ti sventolano come una bandiera" (cit.), non sei più uno che ascolta, sei un loro adepto e "suggerirai" in giro per il mondo quanto la loro musica sia cazzuta, roba tosta e abbastanza forte da far pensare che questa musica sia nociva ed istigatrice di quali malvage azioni, ma sono tutte cazzate, questi quattro buontemponi suonano in modo violento, cattivo e veloce da oltre trent'anni.


Più delle parole rendono meglio le note :
  • Repentles 
  • Raining Blood
  • Angel of Death
  • Bloodline
 
La formazione è cambiata nel tempo con uscite, nuove entrate, ritorni, ecc.
 
Attualmente gli Slayer sono:
  • Tom Araya – voce, basso
  • Kerry King – chitarra
  • Gary Holt – chitarra
  • Paul Bostaph – batteria
Ex componenti : 
  • Jeff Hanneman – chitarra
  • Dave Lombardo – batteria
  • Bob Gourley – batteria
  • Tony Scaglione – batteria
  • Pat O'Brien – chitarra ritmica e solista
  • Jon Dette – batteria
  • Phil Demmel – chitarra
 Curiosità: pubblicate da Rock Hard di Gennaio 2004:
  • "Divine Intervention" è l'unica canzone scritta da tutti i membri del gruppo assieme (Araya, Hanneman, Bostaph, King) (Rock Hard); 
  • a cavallo tra gli anni '80 e '90 agli Slayer fu proibito di suonare a New York, quindi adottarono la pseudonimo di 'Angel of Death' (Rock Hard);
  • Gli Slayer non hanno mai apprezzato il death metal in generale definendolo "troppo rumoroso" (3rd Eye Forum);
  • Su "Divine Intervention" viene riportato che S.L.A.Y.E.R. significa "Satan Laughs As You Eternal Rot", cosa già puntualizzata su "Show No Mercy" (3rd Eye Forum) ;
  • "Angel Of Death" parla del medico delle SS Josef Mengele (3rd Eye Forum).





lunedì 10 dicembre 2012

QUESTIONI DI OTTANI E METRI SUL LIVELLO DEL MARE

Questa sera ho iniziato giocherellare con i chilometri, le altitudini e le benzine.

Per quel che sembra la parte difficile sarà proprio il Tajikistan e, ovviamente la Pamir Highway.

Intanto sto consolidando l'idea di andare con il Ktm, dopotutto anche in Islanda ho usato il Kappino.




Autonomia e qualità del carburante potrebbero essere un problema.

Con il serbatoio aggiuntivo "Safari" avrò una moto con un totale di 34 L. di benzina, 26 nei 2 serbatoi e altri 10 in 2 taniche da 5 L. ciascuna.

15/18 km/L x 34 = 500/600 km totali di autonomia tutto sommato non male.



Forse anche questa sera ho fatto un passo avanti.

venerdì 7 dicembre 2012


PROGETTI

Questa è una serata così e così.

Mentre guardo "l'ultimaparola" e ascolto un "Passera" fare terrorismo ... taaac spento e VFC è meglio pensare a altro.

Il lavoro? questa sera lo dimentico per qualche ora, lo stress? altissimo, deve essere abbassato, e quindi cosa c'è di meglio che pensare alle mie solitarie "zingarate"?

E allora perchè non farmi un pò di "morale" pensando al prossimo viaggio ... 

Già, perchè no? forse è utile cominciare a ragionare su quale moto usare, tanto per non prendere tempo (comunque deciderò come sempre nell'ultima settimana prima della partenza).

C'è ancora una sacco di tempo e posso cambiare idea mille e mille volte ancora ma, per ora, la scelta è obbligata tra:



BMW Gs 1200 Adv KTM 690 enduro

Che dire?!

La prima è pronta per partire già questa notte -ma non sono pronto io- la seconda invece ha bisogno di alcune cure e modifiche per affrontare un viaggio del genere, ad esempio:

- serbatoio aggiuntivo (non si può pensare di fare un viaggio da 15.000 km con un serbatoio di serie di 13 litri)

- cambio gomme (nota dolente: di sicuro delle "dual" e un tassellato di scorta da cambiare in viaggio: 15.000 km tra asfalti sterrati e sabbia)

- ammortizzatori? chissà, soprattutto il posteriore (già che ci sono)

- presa per navigatore (quella che ho si è guastata un anno fa ed è ancora rotta)

- piastra portapacchi posteriore modificata con ala antiscivolo bagagli

- scarico? (con questo mi ustiono regolarmente)

- serbatoio acqua (sarebbe un idea)

- piastra paramotore decente (quella attuale è in plastica)

- allargamento base cavalletto 

- protezione filtro aria (la sabbia assassina ...)

- magari un radiatore? boh

- ammortizzatore di sterzo? credo sia utile ma il prezzo?

- magari un box porta-attrezzi

- dei fari di profondità decenti (forse nelle steppe kazake, Uzbeke, ecc. potrebbero essere utili)

- protezioni fari e altre parti sensibili.

praticamente se faccio fare tutte queste modifiche alla moto potrei anche partecipare ai Faraoni, ovviamente come spettatore perchè il manico l'ho perso, non so dove ... ma potrei anche ritrovarlo...

Ecco l'intervento puntuale di mia moglie Laura: "aspetta e spera" 

Ok ho capito, è meglio che chiudo e vado a nanna.

sabato 1 dicembre 2012


2013 STANTREK*
(*IDEA dalle parole e fatti di Ted Rall alle parole-perora-di UnBueMuschiato)


File:Pamir Highway Route.jpg

Ho iniziato a preparare il prossimo viaggio che, salvo cambiamenti, sarà un giro in Asia centrale per fare la strada del Pamir che, se non è la più alta del mondo poco ci manca, credo che corra intorno a 5.000 mt slm.


Se si va su Wikipedia si trova:

"La strada del Pamir (in russo Pamirsky Trakt, in Tagikistan conosciuta come M41) attraversa l'altopiano omonimo attraverso l'Afghanistan, l'Uzbekistan, il Tagikistan e ilKirghizistan. Non tutte le fonti concordano nel ritenere Mazar-e Sharif la città d'inizio della strada: altri la fanno partire da Dushanbe o Khorugh; è sicuro invece che termini ad .


È la seconda strada internazionale più alta del mondo dopo quella del Karakorum. Malgrado sia designata come "strada principale", è molto trascurata e in certi punti è gravemente danneggiata da erosioneterremotifrane e valanghe. Non ha però interruzioni e serve tutta la regione autonoma del 

Gorno-Badakhshan. Il sentiero di questa strada è percorso da millenni, facendo parte della via della seta.


La strada parte da Mazar-e Sharif, nella provincia di Balkh (Afghanistan), e prosegue verso nord attraversando l'Uzbekistan (regione di Surkhandarya). Gira poi ad est per entrare nel Tagikistan (provincia di Karotegin). Dopo aver oltrepassato Dushanbe, attraversa Khorugh e i fiumi KafirniganVakhsh e Bartang.


Continua poi per 311 km verso Murghab. Superato il fiume omonimo, svolta verso nord. Sul passo Ak-Baital, l'autostrada del 



Pamir raggiunge i 4.655 mt s.l.m.. Dopo aver passato il lago Kara-Kul, entra in Kirghizistan e finisce ad . Tra Murghab e Oš la strada è lunga 417 km."





Qualche appunto in divenire (chi ha occhi per intendere intende) lo riporto a seguire tipo: dieta, itinerario, programma di preparazione fisica, ecc






Tutto comunque cambierà giorno per giorno, sempre ben inteso che:

1) non ci siano contrattempi della minchia (è da due mesi che vorrei andare sull'isola di Ouessant e non riesco)

2) non mi dia alla macchia perchè impazzito definitivamente

3) non crolli Europa

AhhhhhhPPPPPPPEEERRRRRRòòòòòòòòò


   










sabato 17 novembre 2012

ACCHIAPPA LA CAPRA

Una delle cose cose che mi piace particolarmente fare è fantasticare, guardando Google Earth, su nuovi luoghi da vedere (i viaggiatori del passato usavano mappamondi oggi invece ...).

Recentemente, su una rivista per moto, ho letto un reportage sul Kazakistan dove si raccontava, anche con fotografie, di viaggi nel deserto e di pozzi di gas-metano infuocati utilizzati dai nomadi per scaldarsi: fantastico, roba da vedere.

Letto e deciso che, fatti salvi eventuali cambi d'idea considerato che il prossimo viaggio sarà forse nel luglio del 2013, la mia futura meta sarà il Kazakistan 

Visto che ho deciso la  meta, inizio a raccogliere qualche informazioni partendo da usanze varie e trovo Acchiappa la Capra.

... ma cos'è davvero il Buzkashi?


Sostanzialmente è uno sport equestre dove i giocatori si contendono una carcassa di capra chiamata boz che, una volta presa,  va lanciata in un area predefinita.

Originariamente erano "tutti contro tutti" poi lo "sport" si è evoluto ed i contendenti oggi sono raggruppati in due squadre.

Questo è il "buzkashi" o "acchiappa la capra".

Roba forte.

Le regole sono, anzi di fatto non ci sono perchè i giocatori possono colpirsi tra loro e possono colpire anche i cavalli.

Per noi è un gioco incomprensibile, troppo violento, ma sembra che risalga addirittura ai tempi di Gengis Khan, però all'epoca al posto, della capra, c'erano i prigionieri catturati in battaglia.

Mai giudicare ... forse ma anche e, vabbè, chissà

---------------------------------------------- 
Il “Buzkashi” (che significa acchiappa la capra) è un gioco spettacolare, avvincente e spesso violento svolto principalmente da popolazioni turche nel nord dell’Afghanistan. Intorno agli anni ’80 e i primi dei ’90, il Buzkashi è stato giocato tra i rifugiati afghani vicino Chitral Peshawar in Pakistan, dove però prende le distanze dal Polo pakistano. Il gioco ha due forme principali di gioco: c’è il tradizionale gioco-base, chiamato “tudabarai” e quello più moderno e politicizzato chiamato “qarajaj”. In entrambi l’azione centrale è piuttosto simile: dei cavalieri su cavalli grandi e forti si sfidano nel cercare diafferrare la carcassa di una capra o di un vitello, cercando di sollevarla dal terreno senza smontare e spesso a grande velocità. Colui che mantiene il controllo esclusivo sulla carcassa durante il tragitto può correre verso la vittoria. Anche se è considerato in primo luogo un divertimento ludico, il Buzkashi ha anche un aspetto implicitamente politico in cui il mecenate o sponsor cerca di farsi valere per poi ottenere un maggior controllo degli eventi. Oggi è lo sport nazionale dell’Afghanistan. Di solito è possibile assistere al Buzkashi tutti i venerdì nei villaggi o anche nelle città, soprattutto in inverno.

COME SI GIOCA

Il “Buzkashi” viene giocato su un grande campo, anche di due chilometri, da due squadre di cavalieri chiamati “chapandoz”. Lo scopo è di impadronirsi della carcassa della capra e di lanciarla oltre a un segno di demarcazione o all’interno di un’area definita. Non esistono regole scritte, sono per di più tramandate e frutto di una lunga tradizione. È ad esempio concesso sia colpire il cavallo avversario, o anche il cavaliere, con il frustino, che spingersi e strattonarsi. Inoltre, nessuno può legare la carcassa della sua sella o colpire l'avversario sulla mano per strappare la capra.  Tuttavia, queste norme non siano rigorosamente osservate nelle partite locali. Questo fa del Buzkashi uno sport sostanzialmente violento, anche se lo scopo principale non è solamente quello di danneggiare l’avversario.

Benché le regole siano poche e semplici, c’è una preparazione particolare per la capra prima dell’inizio della gara. La carcassa viene infatti imbevuta in acqua fredda per 24 ore, in modo da indurirla. Di solito la capra viene decapitata, le gambe mozzate al di sotto delle ginocchia e le interiora svuotate e riempite di sabbia. Poi viene scavato una piccola buca sul terreno e viene adagiata la capra all’interno. La buca è circondato da un cerchio fatto con la calce viva chiamato “hallal”, che significa “cerchio della giustizia”, e alla sua sinistra e alla sua destra ci sono dei pali. Ad un determinato segnale, i cavalieri iniziano la sfida cercando di afferrare velocemente la capra al centro del buco e devono correre, evitando i colpi e le aggressioni degli altri cavalieri, a rilasciarla in un altro cerchio disegnato a terra. Colui che ci riesce è il vincitore.

Gli chopendoz vincitori sono premiati con chapan, turbanti, contanti o fucili e sono trattati con grande rispetto e considerati membri onorari della società afghana. Il loro cappello di pelliccia di volpe è il più alto onore per un giocatore.

ORIGINI

Originariamente il Buzkashi  era un antico gioco giocato in Afghanistan risalente ai tempi di Gengis Khann. Si giocava per lo più nel nord dell'Afghanistan, nelle province di MaimanaMazar-i-Sharif, e Kataghan. Come regola generale, le donne non erano autorizzate a guardare. Anche quello che succede oggi all’interno della gara è cambiato notevolmente: in tempi passati poteva accadere che un chopendoz accoltellasse il cavallo dell’avversario e cercasse di farlo finire sotto gli zoccoli dei cavalli. Anche i campi erano molto più grandi: in alcune delle prime competizioni i cavalieri potevano correre anche per tre giorni consecutivi.
Oggi il Buzkashi è un po’ più civile, ma coloro che cavalcano sono ancora uomini dalla pelle dura.

BUZKASHI E LA SOCIETA’
Il  Buzkashi è una parte di vita in Afghanistan: dominano i valori maschili e le qualità che sono importanti in guerra vengono apprezzate. Il Buzkashi è una imitazione della guerra in una società dove la guerra ha devastato nel corso degli ultimi 25 anni. Per molti dei signori della guerra aggressiva, il Buzkashi è un'arena in cui possono dimostrare quello che sono per ottenere il rispetto di cui hanno bisogno. Ogni uomo con ambizioni nella società afgana, deve dimostrare le sue abilità in Buzkashi. Persino Karzai è salito su un cavallo per convincere il popolo afghano delle sue capacità, ma non avendo avuto il coraggio di affrontare gli scontri più intensi non è diventato un rispettato chapendoz.

Jacopo Lubich
http://natgeoadventure.tv

venerdì 19 ottobre 2012

Ciao Bambino, Sorry























Ciao Bambino Sorry



Tu te crois irrésistible avec ta moustache et tes talons de cow-boy 

Tu te prends pour Pancho Villa pour Buffalo Bill et moi pour une petite fille ciao bambino sorry 

Tu devrais t'en aller là-bas à la frontière du Nevada 
Avec tous les types dans ton cas pour qui tout est du cinéma ciao bambino sorry 
Je ne suis pas Blanche-Neige pas plus que Monroe mon pauvre Superman 
Tu es plutôt sympathique mais tu roules trop pour tenir dans un rodéo ciao bambino sorry 

Vas fumer ta marijuana à la frontière du Nevada 
Avec tous les types dans ton cas pour qui tout est du cinéma 
Tu as pourtant des yeux qui me plaisent bien 
C'est dommage j'aurais bien voulu t'aider 
John Wayne Redford Newman ça n'existe pas 

La vie n'est pas du cinéma ciao bambino sorry 
C'est dommage sorry ciao bambino sorry 

C'est dommage sorry ciao bambino sorry

venerdì 21 settembre 2012

LA COMMEDIOLA DELLE VENDITE ALLO SCOPERTO: LA "DURA" VITA DI CORRADO LO "SCOPERTISTA"

Girando per la rete ho trovato un articolo che trattava di vendite allo scoperto, sapete, quelle operazioni altamente speculative, ovviamente al ribasso, che consistono nella vendita di titoli da parte di soggetti che li hanno in prestito. Sì avete letto bene, da parte di soggetti che li hanno solo in prestito e non ne hanno la proprietà.


Allora ho avuto un'idea: scrivo una "commediola" senza arte ne parte, così tanto per ridere, amaramente.


Titolo: LA "DURA" VITA DI CORRADO LO SCOPERTISTA


Personaggi:
Mario detto "prestatore" (possiede il "TITOLO").
Corrado detto "scopertista" (possiede tante equivoche "partecipazioni" e prende in prestito roba).
Vittorio detto "acquirente"  (ha i soldi).


                           Atto I°: IL TITOLO PASSA DI MANO: GIOCO DI SPECCHI


Scena 1: MARIO PRESTA IL TITOLO.
Corrado: Ciao Mario come va?
Mario: Bene, che vuoi?
Corrado: Mi hanno detto che tu hai il TITOLO. 
Mario: Si vale 100, perchè?
Corrado: Alcuni amici comuni mi dicono di dirti che il tuo TITOLO perderà valore, quindi, se me lo presti, tenterò di gestirlo e magari, invece che deprezzarsi, aumenterà di valore. In ogni caso ti pagherò 10 di interessi quindi ci guadagni. 
Mario: Va bene tieni il TITOLO in prestito.

Scena 2: CORRADO VENDE IL TITOLO!

Corrado inizia a pensare a tutti gli amici che ha, ed alle sue partecipazioni in giro e poi fa un pò di telefonate ...
Corrado: Ciao Vittorio, bella festa ieri.
Vittorio: Bella vero? dobbiamo subito organizzarne subito un'altra.
Corrado: Appunto. Ti chiamavo proprio per questo. Ho il TITOLO da venderti 
Vittorio: A quanto?
Corrado: a 110
Vittorio: troppo ti offro 100
Corrado: Ok il TITOLO è tuo
Corrado chiama gli amici per dare il via alle "comunicazioni ufficiali" ....


Atto II°: IL TITOLO RITORNA A CASA

Scena 1: CORRADO RICOMPRA IL TITOLO
Vittorio: Ciao Corrado, mi hai rifilato una bufala il TITOLO ora vale solo 70
Corrado: Non lamentarti, ti ricordi 3 giorni fa quanto hai guadagnato per merito mio? E comunque se vuoi, a 70, te lo ricompro il TITOLO 
Vittorio: sei un bastardo - ma se scende ancora (pensa)- va bene. Il TITOLO è tuo per 70 

Scena 2: CORRADO RESTITUISCE IL TITOLO A MARIO
Mario: ciao Corrado hai visto che il mio TITOLO è sceso e ora vale solo 70?
Corrado: Ciao Mario prova ogni tanto a guardare il bicchiere mezzo pieno, guarda che ci hai guadagnato e poi magari risalirà hihihihi
Mario: Perchè?
Corrado: Perchèe?! ecco il TITOLO e tieni 10 di interessi. Vedi, il TITOLO valeva 100 ma oggi vale 70 quindi dovresti aver perso 30 ma dato chi io ti ho pagato 10 di interessi la tua perdita è solo di 20.
Mario: sempre meglio che niente.


Atto III°: DIVERTIMENTO SULLA PELLE DEGLI ALTRI

Scena 1: CORRADO PENSA
Corrado: certo che la vita è dura, che casino per 5 minuti di lavoro ma almeno non ho tirato fuori un cazzo, ho venduto quello che non era mio a 100, l'ho ricomprato a 70, l'ho restituito a Mario e gli ho pagato 10, quindi ho guadagnato 20 e quei barboni per fare il TITOLO guadagnano 1 e per giunta al mese... che coglioni.
Devo comunque ricordarmi di dare qualcosa agli amici delle "comunicazioni ufficiali" e ora ... colazione.
Corrado: ciao bello, cappuccino e cornetto al solito tavolo
Barista: subito capo, sei un grande
Corrado apre il giornale legge, sorride e pensa "se questi morti di fame si svegliano sò cazzi"

Scena 2: MARIO PENSA
Mario: certo che quel Corrado è bravo, se non c'era lui perdevo altri 10. Mi sa che è meglio che lo assumo

Scena 3: VITTORIO PENSA
Vittorio: COMPRO il TITOLO a 100 e lo VENDO a 70. Bell'affare. Ma come cazzo fa quel Corrado ... e poi chissà perché la "comunicazione ufficiale" dà sempre ragione a lui?! mentre io sento un certo dolorino dietro.
Ora devo rifarmi di 30 come faccio? abbasserò il costo del lavoro togliendo diritti e intanto faccio licenziare.
Tutti avranno paura e lavoreranno per meno soldi pensando di salvare il proprio posto di lavoro e quello dei colleghi orgogliosi di essere solidali. Che Coglioni.
ALLA FINE IO E CORRADO SIAMO UGUALI: A VOLTE SI GUADAGNA E ALTRE NO MA L'EQUILIBRIO TRA NOI SI TROVA SEMPRE ahahahahahah


EPILOGO
Mario ha perso 20
Corrado ha guadagnato 20
Vittorio ha perso 30

Le vendite allo scoperto vanno forte e permettono di guadagnare molto quando sono fatte con strumenti finanziari la cui volatilità è alta: titoli di stato (popolo), banche e assicurazioni (la maggioranza del popolo).

Nonostante le vendite allo scoperto destabilizzino il mercato ... sono legali

(OGNI RIFERIMENTO A PERSONE ESISTITE O A FATTI REALMENTE ACCADUTI E' PURAMENTE CASUALE. Ustioki Mustioki)

domenica 16 settembre 2012

TRAPPOLE DI ERRORI TRA PERCEZIONI E CONVINZIONI

Tutto ciò che segue è scritto per affermare una sola cosa:

gli errori non sono (quasi) mai dovuti a percezioni ma a cattive interpretazioni trasformatesi più o meno consciamente in convinzioni.

Le percezioni sono abbastanza affidabili e sono innocue ma, le convinzioni possono essere estremamente pericolose se fondate esclusivamente su percezioni.

Un oggetto immerso nell'acqua "sembra" rotto e ciò è una "percezione" corretta, ma se ne ricavo una convinzione che succede? 



In altre parole posso percepire quello che mi pare, ma se ne ricavo una convinzione non è detto che quest'ultima sia corretta.


L'immagine qui a fianco ne è un esempio: 
qui si percepisce qualcosa che non è presente o qualcosa che in realtà si presenta diversamente. 

Ma se è vero che le percezioni si percepiscono, è altrettanto vero che possono essere de-percepite? se "sì" le percezioni sono correlate al nostro "io" e allora IO posso decidere se e cosa percepire per poi CONVINCERMI di tutto o del contrario di tutto...

... e se qualcuno è arrivato fin quì, solo due parole potrà pronunciare: "che cazzata"